ARRL ora ci sono anch’io !!

Durante l’ultima visita alla sezione ARI di Roma, ho avuto il piacere di sfogliare l’ultimo numero di QST messo a disposizione dei soci dal nostro presidente Giordano IK0XFD.
Sono rimasto piacevolmente sorpreso ed incuriosito dalla rivista, dalla novità dei suoi articoli, dalle prove dei nuovi apparati chiare e complete e … perche no ….. dalle pubblicità, molto belle e sopratutto piene di informazioni sugli apparati ed accessori pubblicizzati.
arrl-c Allora mi sono deciso e qualche sera orsono mi sono iscritto.
Massima semplicità, una carta di credito prepagata e subito mi sono arrivati i complimenti e i ringraziamenti via Email, le credenziali di accesso al sito riservato ai “members”.
Ma sopratutto dopo soli cinque giorni nella mia cassetta della posta è apparso QST, dentro ad una bellissima busta per posta aerea e insieme alla tessera che mi riconosce “member valid thru 10/31/2010”.
Non vorrei fare polemiche ma che differenza con la nostra ARI, ancora il conto corrente postale allegato alla rivista per rinnovare, bisogna attendere che la tua richiesta d’iscrizione si pubblicata su Radiorivista e che nessuno faccia opposizione e che il CD ratifichi infine la nomina per diventare effettiva.
A distanza di un anno dalla mia iscrizione non ho ancora ricevuto uno straccio di tessera che comprova l’iscrizione e se non fosse per l’arrivo della rivista mensile dubiterei di essere iscritto.
Vogliamo parlare di Radiorivista?
Quante pagine sono dedicate ai verbale del CD ? (che tutti potrebbero benissimo leggere sul sito se fosse ben strutturato) quante sono dedicate all’autocostruzione ? e sopratutto credo che le cene sociali risultano di scarso interesse, salvo per i partecipanti ed amici di sezione, quandi si racconta la cronaca di una attivazione perchè non dare risalto alla parte organizzativa, agli apparati ed alle antenne usate, a quali difficoltà si è andati incontro e come si sono risolte, ecc.
Invece si parla del ristorante, dell’alzataccia per raggiungere il QTH, ecc. ecc.
SU QST tutte le maggiori case inseriscono la propria pubblicità con pagine e pagine di informazioni, fotografie ecc., su Radiorivista al massimo qualche negozietto locale (e non me ne vogliano gli imprenditori nostrani)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: