E’ arrivato …. Arduino !!

Da diverso tempo stavo cercando un hardware basato su un microprocessore facilmente programmabile e riutilizzabile che potesse introdurmi alla programmazione con relativa facilità.
Attualmente la piattaforma open source più economica, ma allo stesso tempo facilmente espandibile, interfacciabile, con una vasta documentazione facilmente reperibile (e gratuita …. il che non guasta) è il nostrano ARDUINO.
La versione attuale (Arduino Duemilanove) è basata su un microprocessore della ATMEL e propone le seguenti caratteristiche:

  • Microprocessore ATmega328
  • Voltaggio operativo 5V
  • Voltaggio in ingresso (raccomandato) 7-12V
  • Voltaggio in ingresso (limiti) 6-20V
  • Piedini digitali I/O 14 (di cui 6 utilizzati come outs PWM)
  • Piedini di ingresso analogici 6
  • corrente DC per i piedini di I/O 40 mA
  • corrente DC per il piedino a 3.3V 50 mA
  • Memoria Flash 16 KB (di cui 2 KB utilizzati dal bootloader)
  • SRAM 1 KB
  • EEPROM 512 bytes
  • Velocità di Clock 16 MHz

Il piccolo ARDUINO DUEMILANOVE

L’hardware è veramente minuscolo, solo 6,5 cm. x 5,5 cm., dispone di un’interfaccia USB per il collegamento al computer di programmazione, può essere alimentato sia dalla stessa porta USB, sia agganciando una fonte di alimentazione esterna a 9/12 Volt.
A bordo oltre alle porte evidenziate nelle caratteristiche troviamo tre led, due per il monitor di programmazione ed uno di controllo agganciato all’uscita n.13, un pulsant di reset e il connettore per la programmazione ISP.
Il software di programmazione, i driver USB e quant’altro necessario alla programmazione può essere liberamente scaricato dal sito ufficiale di ARDUINO.
Segnalo inoltre un software di aiuto allo sviluppo dei progetti basati sulla piattaforma Arduino, che semplifica non poco la prototipazione e la documentazione, ovvero FRITZING, tutto da scoprire aanche per aiutarci nei nostri piccoli progetti di autocostruzione.
Il modo migliore di iniziare con ARDUINO è comprarsene uno (o autocostruirlo, sul sito di arduino trovate tutto il necessario, file eagle per il pcb, schemi elettrici, insomma tutto il necessario per autocostruire un Arduino seriale),  caricare il software ed iniziare dagi numerosi esempi, facilmente reperibili sia sul sito ufficiale sia in rete (provate a scrivere Arduino dentro a Google).
Ovviamente ci sono librerie di supporto per interfaccaire quasi tutto, nelle fotografie finali allegati trovate un piccolo esempio di interfacciamento di un classico  LCD 16X2.
Il prossimo passo? Adattare Arduino al mondo radioamatoriale, già lo sto programmando in funzione di cwbeacon accoppiato ad un piccolo TX sui 28.322 Mhz, poi il prossimo progetto sarà in funzione di ripetitore dello schermo dello YAESU FT817.

Arduino e una Breadboard

Il mio Call

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: